martedì 21 ottobre 2008

Le cisti renali: non spaventatevi se ve ne trovano una o piu'


Capita frequentemente ad un esame ecografico di routine di trovare delle cisti nei reni, cosa che spesso genera allarme e preoccupazione, e che fa accorrere i pazienti da noi nefrologi .
Le cisti renali sono molto frequenti nella popolazione generale , soprattutto dopo cinquant’anni di età (circa 1 persona su su tre ) . Le cisti semplici Hanno un carattere benigno nel novantanove percento circa dei casi, e vengono scoperte spesso in maniera del tutto casuale, in occasione di esami ecografici precauzionali o mirati ad altre patologie, dato che, almeno quando si tratta di cisti isolate di dimensioni ridotte, in genere non presentano sintomi particolari .
Queste sono estroflessioni sacciformi che si sviluppano nel contesto del parenchima renale. Esse sono a contenuto liquido ( contengono urina) e si originano come dilatazioni dei nefroni preesistenti o dei dotti collettori o dagli elementi embrionali di entrambe le strutture. Queste estroflessioni sacciformi possono avere dimensioni fortemente variabili (da pochi millimetri a molti centimetri) e sono situate, nella maggior parte dei casi (circa sei su dieci), nei poli del rene , superiore o inferiore . Non è noto come si formino esattamente le cisti, ma si sa che alcuni fattori predisponenti, inoltre, sembrano attualmente accertati, come il fumo, l’inquinamento atmosferico, l’esposizione prolungata a certe sostanze tossiche, l’abuso di analgesici contenenti fenacetina ed elevati livelli ematici di colesterolo e lipidi. Anche il fattore genetico pare avere una influenza rilevante, almeno per determinati tipi di cisti renali.
Le cisti renali piu' frequenti sono le cisti semplici ( quelle non complicate e non neoplastiche ) . In genere si presentano sferiche ed uniloculari. Sono provviste di capsula di tessuto fibroso collagene . Sono da considerarsi acquisite.
L’ecografia è l’indagine diagnostica principale nello studio delle cisti e delle malattie cistiche renali .
In oltre il 90% dei casi e’ possibile essere certi della natura benigna della cisti per cui la diagnosi non viene approfondita ulteriormente. Nei casi invece in cui sia necessaria una diagnosi differenziale con formazioni neoplastiche bisogna ricorrere ad altre tecniche diagnostiche come la TAC e la risonanza magnetica.
I caratteri di allarme all'ecografia , che meritano approfondimento diagnostico , sono sepimenti anomali interni , immagini iperecogene all'interno, irregolarità dei margini . In questo caso è consigliabile eseguire la TC con m.d.c.
o la RMN .
Oggi non si esegue piu' l'intervento chirurgico, ma si esegue l'aspirazione percutanea ecoguidata e l'alcolizzazione per le cisti molto voluminose ( in genere maggiori di 8 cm di diametro), previa anestesia locale.
Prokofiev

107 commenti:

Anonimo ha detto...

mi hanno diagnosticato in seguito ad un ecografia renale una cisti di dimensioni 19mm, il medico ha detto di non preoccuparmi.Sicuro che non devo fare ulteriori accertamenti, che ne dite? saluti

Anonimo ha detto...

buona sera,dà un ecografia mi hanno individuato una ciste di 2 cm al rene destro dà premettere kè 2 anni fà sono stata operata per calcoli
renali;il dottore mi ha detto kè posso stare tranquilla;sicuro kè non devo fare ulteriori esami?cordiali saluti

Anonimo ha detto...

mi hanno diagnosticato una ciste rene destro cm 4'5. mi hanno detto di stare tranquillo.Mi hanno sconsigliato l'aspirazione xchè dopo si riforma ancora.é vero?grazie

Anonimo ha detto...

Anche al sottoscritto hanno riscontrato 2 cisti ai reni di 4 e 5 cm. caduna,chiedo agli esperti, se tale presenza nei reni diminuiscono la capacità funzionale degli stessi organi?
E se è conveniente sottopormi all'aspirazione percutanea ecoguidata. Grazie!

prokofiev ha detto...

Oggi le aspiriamo in eco guida e le alcolizziamo quando raggiungono gli 8 cm. E' una metodica sicura

Anonimo ha detto...

oggi mi han fatto l'aspirazione di una cisti renale di quindici centimetri . I medici dicevano che non si doveva trattare , ma raggiunta tale dimensione si sono decisi a fare l'aspirazione con una semplice operazione che pero' mi ha comportato circa quindici giorni di tempo , tra degenza ospedaliera , sondino per farla svuotare bene , alcoolizzazione e aspirazione finale del liquido iniettato . ora sto' meglio

Anonimo ha detto...

mi hanno diagnosticato la presenza di una formazione di aspetto pseudonodulare di un diametro di 28mm di cui diventa impossibile definirne con sicurezza la natura su il rene destro.cosa mi consiglite

Anonimo ha detto...

E'il perido delle cisti. Diagnosi ecografica: a carico del rene destro, in sede polare inferiore, altra area anecogena a pareti nette e con diam. di 30mm. circa che ne deforma la corticale. Consiglio: TAC.
é il caso di approfondire?

Anonimo ha detto...

premetto che sono stato operato il 9 febbraio di quest'anno alla calcolosi renale e, prima ancora 5 trattamenti di ESWL (bombardamento), mai riscontrate prima alcuna ciste. Pochi giorni fa ho eseguito una ecografia all'apparato urinario dove si è evidenziata una ciste di 39 mm.E' il caso di approfondire? Il dott.che ha effettuato la eco ha detto di non preoccuparsi.

Anonimo ha detto...

mi hanno diagnosticato un cisti corticale polare inferiore di 28mm cosa mi consigli grazie

prokofiev ha detto...

Nessun problema. Va monitorata una volta all'anno. Noi le aspiriamo quando arrivano a 8 cm

Anonimo ha detto...

questa è la mia ecografia fatta per un controllo del fegato;poche cisti minuscole nel rene dx con segni di idronefrosi.aggiungo che al mattino la pipi' è torbida ,ci sono leucociti e che l'altra sera dopo la pipì ho trovato del sangue sulla carta igienica,ma avevo pensato al ciclo.debbo preoccuparmi?

Anonimo ha detto...

buonasera,da tempo ho due cisti sul rene sinistro e un calcolo calcificato di 1,5mm nel rene destro.A distanza di cinque anni sono stata male ad ottobre 2011 e successivamente ho iniziato a star male dal 20 maggio 2012.Il dolore si manifesta di notte con febbre alta e fitte sul lato destro,come cura risolutiva il medico di famiglia mi ha prescritto unidrox 600.Volevo dei consigli per approfondire il caso,perchè il mio medico mi consiglia solo l'eco
grazie

Anonimo ha detto...

mia madre ha 69 anni e una formazione al rene sinistro che nel giro di 7 mesi è cresciuta di circa 1 centimetro come dai riscontri tac. a causa della sclerosi multipla e dell'alzheimer di cui soffre da anni l'intervento potrebbe essere pericoloso ? cosa mi consigliate di fare ? purtoppo è anche obesa e non cammina quasi più

Anonimo ha detto...

per favore datemi un consiglio, non so più cosa fare

Anonimo ha detto...

scusate non l'ho scritto prima ma la dimensione della ciste adesso è di circa 5.8 x 5 x 4.5 cm

Anonimo ha detto...

non risponde nessuno?grazie

Anonimo ha detto...

anche a me una cisti di 5 cm ma il dottore ha detto che e' innocua

Anonimo ha detto...

Anche io ho una cisti renale sx evidenziata dopo un normale controllo con ecografia al fegato e la dimensione era di cm8, adesso è cm9 non da dolore ne preoccupazione in quanto monitorata con ecografia ogni sei mesi. Adesso mi è stato detto da uno Specialista che è arrivato il momento di aspirarla con propabilità che può ripetersi. (speriamo di no) Oltre la ciste renale ci mancava anche un'altra ciste sul testicolo, cmq dopo i cinquanta anni bisogna controllarsi. Ho fatto la TAC e senza contrasto e si tratta di una normale ciste da SECCARE! Non preoccupatevi più di tanto, pensate positivo e che il Signore ci assista.

Anonimo ha detto...

Buonasera,anni fa mi hanno diagnosticato una cisti al fianco sx di 8cm. Nell'arco di un anno è cresciuta fino ad arrivare a cm10 e qui si è fermata. Ho consultato diversi nefrologi e anche un Primario di urologia e tutti mi hanno rassicurata che non c'è da preoccuparsi, ma ultimamente ho una sensazione di pesantezza più accentuata e la sensazione di "sentire della gelatina" che si plasma all'interno. Eseguo una volta all'anno un eco addome. Sono tranquilla, ma alle volte mi prende il panico. Secondo lei cosa devo fare? Grazie

Anonimo ha detto...

Buona sera mi hanno trovato una ciste di circa due cm calcificata. È grave, oltre l'ecografia è consigliabile fare altri esami? Grazie

prokofiev ha detto...

Quando arrivano a 10 cm le aspiriamo. Oggi è una metodica molto sicura. Se poi ha fastidio è consigliabile l'esecuzione

prokofiev ha detto...

per le cisti calcifiche è opportuno eseguire una angio.TC per dirimere il dubbio. probabilmente è solo una cisti complicata. Conviene anche eseguire tre esami citologigi delle urine

claudio1948 ha detto...

non preoccupatevi piu di tanto con le cisti sono attivato a 18 cm l altra 14 sto bene e le controllo ogni anno tranquilli........

Anonimo ha detto...

Da molti anni mi è stata diagnosticata una cisti al polo inferiore del rene sinistro.
Nel 2004 era di mm 80 e mi fu aspirata e non alcolizzata,dopo un ulteriore controllo annuale cioè nel 2005 la cisti era ancora la e di mm 42.9 ho sempre fatto un controllo annuale e oggi siamo arrivati a mm 129 un medico mi ha detto che devo toglierla intervenendo con la laparoscopia perchè è la parete della cisti che fa formare il liquido. Cosa mi cosigliate sono confusa e non so cosa fare

prokofiev ha detto...

la non alcolizzazione purtroppo facilita le recidie, essendo le cisti rifornite di urina continuamente. A 13 cm si potrebbe di nuovo aspirare alcolizzandola, se non controindicazioni, prima di pensare all'intervento, ma è bene che consulti un nefrologo o un urologo, e valuti bene

Anonimo ha detto...

buona sera, sono una ragazza di 20 anni.. circa 2 mesi fa mi hanno diagnosticato una cisti al rene sx con diametro max di 10 cm.. mi hanno detto di tenerla sotto controllo facendo delle ecografie periodicamente. E' il caso di intervenire? le dimensioni mi preoccupano un pò! grazie aspetto una sua risposta.

prokofiev ha detto...

Secondo recenti indizazioni andrebbe aspirata se provoca dolore o complicanze ( nel caso in esame mi sembra di no). Noi a 10 cm le aspiriamo comunque perchè sono effettivamente grandi, ma in realtà il rischio di rottura è sempre basso. L'aspirazione è in ogni caso una prarica sicura, ma pur sempre mini invasiva. Puo' monitorarla per un anno e poi decidere, in accordo con il suo medico

Anonimo ha detto...

salve sono la ragazza del commento precedente. Grazie mille per la risposta, a gennaio dovrò fare una ecografia per vedere se è aumentata di volume; il mio dottore mi ha detto di evitare traumi, scossoni nella parte del rene perchè dice che, dato le dimensioni, potrebbe rompersi.. La cosa mi allarma alquanto, faccio una vita da ragazza 20enne, sportiva e attiva.. cosa succede nel caso in cui scoppiasse?

prokofiev ha detto...

Il rene è protetto da una capsula fibroadiposa molto resistente, e , quindi, il rischio di rottura è molto basso. In caso di trauma violento la grandezza della cisti potrebbe favorirlo. La cisti è piena di urina, ed il passaggio nel cavo retroperitoneale potrebbe favorire un ascesso o un danno delle strutture o organi adiacenti adiacenti .

Anonimo ha detto...

Grazie mille, è stato molto gentile!

Anonimo ha detto...

Nel 2009 mi hanno trovato delle crisi semplici nel rene sn oggi mi hanno trovato nello stesso rene oltre le due cisti nel frattempo cresciute,una formazione espansiva,disomogenea,iperecogena ,di oltre45mm.Si può trattare di tumore?

prokofiev ha detto...

Potrebbe anche essere una cisti complicata. Le lesioni iperecogene meritano pero' una TAC con mezzo di contrasto per una miglior definizione o un eco-contrasto , in caso di allergia o intolleranza al md.c.( fatta pero' in un buon centro radiologico)

Anonimo ha detto...

La ringrazio molto!Ma nel caso sia una cisti complicata cosa bisogna fare?Io sto a Catania lei dove opera?

prokofiev ha detto...

In quel caso nulla, solo monitorarla per le dimensioni. A Catania e Messina ci sono buone nefrologie, io sono nel Lazio

Anonimo ha detto...

Ho 66 anni,ad una Tac si evidenziano numerose ciste la più grande supera i 2 cm. Si trova in una posizione nascosta e centrale del rene,ho sempre una sensazione di pesantezza, talvolta alcune fitte sul fianco dx. Circa due mesi fa il dolore mi ha accompagnato per oltre 30 giorni. Da una visita Urologica in centro attrezzato, i medici mi hanno consigliato di asportarla, sono in attesa per la fine di gennaio. Mi hanno assicurato che l'intervento è semplice. Successivamente, per sicurezza verrà eseguita una biopsia. Speriamo bene. L'ospedale all'avanguardia è il San Donato di Arezzo.

Anonimo ha detto...

Buona sera mia madre ha 74 anni e le hanno riscontrato una ciste al rene sinistro. E' preoccupata, cosa dobbiamo fare?Oltre l'ecografia, altri accertamenti? Saluti e grazie.

prokofiev ha detto...

Per il signore di 66 anni. Le cisti di 2 cm non dovrebbero dare dolore, ma se le hanno consigliato di asportarla dovrebbe essere una cisti complessa e non semplice. L'intervento, per via laparoscopica è mininvasivo, e il centro è ottimo.
Per la signora di 74 anni, l'ecografia è piu' che sufficiente per le cisti semplici. Ho postato un aggiornamento proprio oggi, vista la preoccupazione diffusa. La invito a leggerlo. Grazie

Anonimo ha detto...

Buongiorno su indicazione sua e del medico che ha fatto l"ecografia,ho fatto la tac (ma non ho ancora il referto)e si vede che non è una cisti mi hanno detto quindi di rivolgermi intanto ad un chirurgo.Sono così confuso che non sò se andare in un centro oncologico,o affidarmi ad un buon chirurgo! Dal suo punto di vista dato che il tumore ê di circca4,5/5la soluzione è solo quella di togliere il rene?Dato che anche sull'altro ho delle piccole cisti? le chiedo scusa ,ma ho 49 anni e due figli adolescenti non vorrei fare delle scelte dettate dalla paura del momento.La ringrazio per ila sua risposta di giorno 13/12 e le auguro un sereno Natale!

prokofiev ha detto...

L'ideale è affidarsi ad un bravo urologo. Potrebbe anche essere valida una resezione parziale, senza dover ricorrere alla nefrectomia , ma è bene consultare un urologo. Sulla presenza delle cisti nell'altro rene, non ci sarò alcun problema. La ringrazio.

Anonimo ha detto...

Non un bravo chirurgo oncologo?

prokofiev ha detto...

Certamente, andrebbe benissimo anche un chirurgo oncologico

Anonimo ha detto...

LA RINGRAZIO PER LA SUA DISPONIBILITA'PENSO CHE LEI OLTRE AD ESSERE UN OTTIMO MEDICO SIA UNA GRAN BRAVA PERSONA,LE PORGO NUOVAMENTE I MIGLIORI AUGURI!

Anonimo 47 ha detto...

Tramite una risonanza magnetica per altri motivi,mi e' stata riscontrata una ciste al polo inferiore del rene sinistro di 4,5 mm.Attualmente prendo una pastiglia per la pressione da tanti anni,ma da circa 4 mesi,puntualmente tutte le sere sono preso da orticaria e puntini rossi all'altezza dell'intestino e giu' alle gambe,poi al mattino quando mi alzo tutto e' tornato normale,vorrei sapere se potrebbe essere la causa di questo disagio la mia eta' e' di 65 anni Aspetto una risposta...grazie

prokofiev ha detto...

Escluderei assolutamente come causa la cisti renale, mentre l'ipotesi piu' probabile è un fenomeno allergico. Questo pottrebbe essere legato ai farmaci, ma anche ai tessuti del pigiama o della biancheria intima, se di recente li ha cambiati

Anonimo ha detto...


La ringrazio per la sua disponibilita'e la sua gentilezza
non sara' facile arrivare ad una conclusione, ora sto' provando ad eliminare la pastiglia e sostituirla
vedro' anche il discorso biancheria
di nuovo grazie per il suggerimento

Anonimo ha detto...

Con una ecografia mi hanno diagnosticato "rene dx con evidenza al polo superiore di cisti a pareti calcifiche di 1,8 cm.; doppio distretto a dx, rene dismorfico e ptosico". Significa che c'è una sola cisti o più di una? Il rene destro spesso mi fa male. Non si fa cenno alla forma della cisti, è consigliabile eseguire altri esami? Soffro di ipertensione e ho 50 anni. Nelle ecografie precedenti la/e cisti non c'erano. Grazie. Annalisa P.

prokofiev ha detto...

Il rene ptosico a volte puo' dare dolore, ma il dolore il piu' delle volte origina dalla colonna vertebrale e dai muscoli circostanti. la cisti in alcun mondo provoca dolore, quando ha queste dimensioni ridotte. Il doppio distretto è invece una anomalia congenita che non provoca alterazioni della funzione renale. Di norma la cisti a pareti calcificiche non merita necessariamente approfondimento diagnostico con TC con mdc, ma se vuole stare tranquilla consulti il suo medico per l'eventuale esecuzione , oltre ad un esame citologico delle urine su tre campioni del mattino

Anonimo ha detto...

A mia figlia di 8 anni durante un'ecografia addominale e' stata riscontrata una ciste corticale di 9mm al rene destro. Come è possibile avere cisti ai reni così in tenera età? Posso stare tranquilla?

prokofiev ha detto...

A volte puo' succedere, anche se nei bambini è piu' raro. Ovviamente va esclusa la malattia policistica nei genitori, una delle malattie ereditarie che possono trasmettersi ai figli. In genere raccomandiamo l'ecografia anche al padre o alla madren per escluderla.

Anonimo ha detto...

oggi ho eseguito un controllo ecografico e mi e stata evidenziata una ciste polare inferiore di 10x9cm.e mesorenale di 3.4x2.7cm.rene sinistro inoltre al rene destro una ciste polare superiore di 3.8x3 cm. Mi é stato detto che non si aspirano piu ma si interviene chirurgicamente.Cosa mi consiglia, in cosa consiste l'intervento.

prokofiev ha detto...

Per le cisti semplici ( non complicate) l'approccio percutaneo con aspirazione ed alcolizzazione è quello consigliato. La chirurgia va riservata alle cisti sospette o complicate, e si puo' effettuare in laparoscopia

Anonimo ha detto...

Buona sera qualche anno fa mi hanno asportato un rrne per un tumore ,pochi giorni fa anno trovato una ciste all'altro rene mi devo preoccupate?

prokofiev ha detto...

Si tratta sicuramente di una cisti semplice, ben visualizzabile all'ecografia. Ovviamente le cisti complicate o sospette meritano una angio-TC . Se viene descritta come cisti semplice non deve preoccuparsi

Anonimo ha detto...

What you typed was very logical. But, think about this, suppose you added a little content?
I am not saying your content is not good., but what if you added a headline to maybe get people's attention? I mean "Le cisti renali: non spaventatevi se ve ne trovano una o piu'" is kinda plain. You ought to glance at Yahoo's front page and watch how they write post headlines to get viewers to click. You might add a video or a related picture or two to grab readers interested about what you've written. Just my opinion, it would bring your posts a little livelier.

my web blog ... wynn las vegas restaurants

Anonimo ha detto...

salve oggi o fatto un ecografia nell'addome superiore x una colica addominale , avendo piccole ma fastidiose fitte verso la zona reni, ho detto al dottore di vedere anche quella zona , e mi a diagnosticato: cisti corpuscolata di 2cm al polo superiore del rene sn, e anche una formazione cistica a contenuto liquido di 23mm al polo superiore del rene dx. chiedo posso stare tranquillo? ho anche il fegato lievemente aumentato di volume , ma quello forse e unaltra cosa, grazie aspetto notizie.

Rosa ha detto...

buongiorno ,oggi ho eseguito una ecografia ai reni,questo il responso: reni in sede ad ecostruttura completamente sovvertita a sinistra per la presenza di cisti multiple di cui la maggiore di 55 mm; al rene destro grossa formazione cistica di circa 90 mm;non visibilità di formazioni da riferire a calcoli; non espansi in loggia surrenalica. devo preoccuparmi? la ringrazio rosa

prokofiev ha detto...

Signora Rosa, dovrebbe trattarsi di un rene multicistico, patologia benigna del rene, e non di reni policistici, che generalmente sono reni molto aumentati di volume. Tuttavia la presenza di una grande cisti nell'altro rene merita un approfondimento, con esami ematici della funzionalità renale, e sulle urine delle 24 ore. La seconda patologia inoltre è ereditaria, e si eredita da uno dei due genitori. Sarebbe utile anche una scintigrafia renale per valutare la funzione residua del rene con numerose cisti. In ogni caso, le consiglio di consultare un collega nefrologo nella sua zona, per maggiori delucidazioni

prokofiev ha detto...

Il fegato aumentato di volume non ha sicuramente attinenza con le cisti renali. la cisti corpuscolata, per una maggior definizione, se vuole essere tranquillo , meriterebbe un approfondimento con una TC con n.d.c.. Consulti comunque un nefrologo per maggior chiarezza, od un urologo

Anonimo ha detto...

salve
da una RM ho un grado di bosniak 3-4, una cisti da 9 cm intervento di exresi della cisti complicata, il medico mi ha detto che potrei avere anche l'asportazione del rene se esce molto sangue, e che potrebbe la cisti nascondere una neoplasia..
Ma se in base alla scala bosniak 3 corrisponde al 50% dei casi e 4 alla sicurezza della neoplasia, perche' mi ha detto che potrei avere un tumore se invece dai dati l'ho di gia'?
grazie
pino

prokofiev ha detto...

Si parla solo di probabilità , e non di certezza. L'alta probabilità indicherebbe l'intervento, come da linee guida. La certezza si ha solo con l'esame istologico , ovviamente

antonio ha detto...

Buona sera ho fatto ieri una eco addome completa per presenza di microematuria.
E' stata riscontratoa al polo inferiore di sx una cisti a sviluppo estrinseco del diametro di 17 mm.L'ecografista mi ha detto di far finta di non averla perchè non da problemi , eventualmente di tenerla monitorata ogni 2 anni con eco per controllarne le dimensioni.
E corretto l'approccio ?
cordiali saluti
antonio

prokofiev ha detto...

Direi che è assolutamente corretto, trattandosi di una cisti semplice. Sarà utile monitorare le dimensioni nel tempo

Ferdinando Brancaccio ha detto...

MA QUESTE CISTI COME NE HO 1 IO DA 2,5 CM POSSONO RIDURSI DA SOLO O RIMANERE STABILI O CRESCONO IN OGNI MODO? GRAZIE X LA RISPOSTA

prokofiev ha detto...

Generalmente, contenendo urina, tendono a rifornisi, ma la crescita è lentissima, salvo casi particolari. Difficilmente regrediscono o rimangono stabili.

Anonimo ha detto...

Salve c e mia nonna che ha 75 anni e da 2 anni ha la cisti al Reno sx ma è appoggiato alla vena cava e i dottori dicono che è pericoloso, fa la chemio da diverso tempo ma si è ingrandito, e poco fa le hanno trovato metastasi al fegato,le hanno dato circa 2 mesi di vita, è possibile fare qualcosa? Grazie in anticipo per la risposta

prokofiev ha detto...

Se la cisti è di natura neoplastica , vista la particolare posizione, intervenire potrebbe essere piu' dannoso che benefico, ma non avendo a disposizione algtri dati non posso risponderle con maggior precisione

Antonio ha detto...

Buongiorno. Volevo cortesemente chiedere un parere. Ho 66 anni, in seguito a recidive coliche renali, sono stato sottoposto a ecografia renale + vie urinarie. Sia nei reni che nella vescica sono state riscontrate tracce di renella, dovute alle coliche. Ma oltre questo, il medico ha riscontrato quanto appresso letteralmente specifico: "ambedue i reni, normali per sede forma e dimensioni, non presentano alterazioni ecostrutturali di rilievo, ove si eccettui la presenza a livello del III medio del rene di destra, di una formazione rotondeggiante di 12,5 x 11,2 x 10 mm. di diametro, a sviluppo parzialmente esofitico, moderatamente anacogena, da riferire in prima ipotesi a cisti a contenuto corpuscolare". Il medico che mi ha fatto l'ecografia mi ha rassicurato che non è da preoccuparsi, e non ci sono le condizioni per effettuare una tac, ma solo per scrupolo di tenerla sotto controllo, e di fare una nuova ecografia tra 2/3 mesi. Riguardo a questa cisti al rene destro, io non ha mai avuto sintomi. Le sarei grato per un suo parere. Grazie.

Anonimo ha detto...

Salve, vorrei sapere se una cisti a contenuto liquido che ho scoperto circa 10 anni fà quando era di soli cm. 2,5 - attualmente, col trascorrere degli anni è di cm. 8,7 x 6,2 nell'arco dei 10 anni sono apparsi numerosi setti di normale o sottile spessore formando una grossolana cisti settata multiloculata. La mia domanda è quella di sapere se una ciste complicata (accertata la sua benignità in seguito a RSM con mezzo di contrasto) su pressante volontà del paziente, al posto di intervenire laparoscopicamente in anestesia totale resettando parte del rene, potrebbe invece essere aspirata e alcoolizzata in anestesia locale come una cisti non settata ?

Anonimo ha detto...

BUon Giorno Ho ritirato referto eco addome e mi hanno trovato al livello del polo inferiore del rene sn aspetto polilobato a morfologia pseudonodulare di circa 30mm, possibile espressione bozzatura fetale parenchimale. Nelle eco precedenti nn c'era. Devo fare rmn con contrasto, mi devo preocc

prokofiev ha detto...

Riguardo alla cisti corpuscolata, non ci sono elementi di allarme, anche se l'angio TC rappresenta sicuramente un esame di maggior sensibilità, ma vi è una indicazione relativa

prokofiev ha detto...

Anche la cisti contentente setti puo' essere aspirata ed alcolizzata, anche se richiede una maggior perizia tecnica ed una durata maggiore della metodica

prokofiev ha detto...

Riguardo la cisti di 2 cm, se , come credo, ha i caratteri di una cisti semplice, non merita ulteriore approfondimenti diagnostici

Anonimo ha detto...

Buongiorno. Sono un uomo di 46 e in seguito ad una ecografia all'addome superiore effettuata per approfondire eventuali cause per una pressione diastolica alta che ho da circa 6 anni e per il valore della gamma dell'elettroforesi un po' basso che ho da sempre, mi e' stato refertato quanto segue:
Reni in sede, nella norma per morfologia e dimensioni, con regolare spessore parenchimale ed ecogenicita' cortico midollare. Non segni di stasi urinaria ne calcoli ecograficamente apprezzabili.
In corrispondenza del renale sx si apprezza nel III medio una deformazione del profilo corticale di circa 41mm che necessita di approfondimento diagnostico mediante TC con mezzo di contrasto.
Premetto che in una precedente ecografia renale di circa 10 anni fa' non era apparso nulla di irregolare, anche se il diametro longitudinale del rene sx era 20mm maggiore di quello dx.
Non nascondo di essere particolarmente preoccupato anche perche' l'ecografo non si e' assolutamente sbilanciato nel refertare la natura della deformazione ne tantomeno di etichettarla come cisti.
Sono in attesa di effettuare la TAC. Le domande che pongo sono:
e' da escludere il caso che sia una cisti semplice?
puo' essere la causa della mia ipertenzsione apparsa improvvisamente alcuni anni fa'?
nel caso peggiore in cui sia necessario asportarla chirurgicamente, cosa ne pensa dell'IFO Regina Elena RM?
La ringrazio anticipatamente per quanto mi potra' suggerire e la saluto cordialmente.

prokofiev ha detto...

L'ecografia è poco sensibile per differenziare anomalie renali. E' quiindi giusto eseguire la TC. Prima di valutare l'esito l'ecografista giustamente non esprime giudizi. L'IFO è un centro di eccellenza, sicuramente

pasquale sequino ha detto...

Salve, da un'ecografia all'addome è stata riscontrata una cisti del diametro di sei centimetri al polo inferiore del rene destro..volevo sapere se questa lesione potrebbe essere causata da un forte dispiacere. Grazie.

Anonimo ha detto...

Buongiorno Dott. Sono un uomo di 47 anni oggi ho eseguito un ecografia alle vie urinarie a causa di una forte presenza di sangue nelle urine e febbre alta, questo l'esito:
Eco reni e addome inferiore reni in sede regolare per dimensioni e morfologia con spessore parenchimale conservato.
Qualche minuta cisti parapieliche bilaterale non dilatazione delle strutture calico pieliche
Non immagini compatibili con calcoli nel contesto dei reni.
All'addome inf, vescica e pareti regolari in assen sa di vegetazioni parietali.
Nei limiti vescichette e prostata.
Quale altri acc. Farebbe per capire il fatto di febbre alta?
La ringrazio anticipatamente
Cordiali saluti
Fabio

Anonimo ha detto...

Buon giorno egr.Dott.ho 32 anni nel 2006 ho subito la nefrectomia del rene sinistro a causa di un carcinoma a cellule chiare confinato al solo rene.Premetto che sono affetto da sindrome di Alphort e attualmente sono in dialisi peritoneale dal 2011 data che coincide con la scoperta di una metastasi al mediastino sx accertata per mezzo di tc e successivamente identificata con biopsia che attualmento curo con l'assunzione di Sunitinib di 37,5.Il linfonodo del mediastino è diminuito del 60%(inizialmente circa 45 mm x 42 mm oggi 13 mm x 18 mm)Oggi dopo accurata ecografia all'adome superiore ed inferiore mi è stata riscontrata una cisti definita semplice di circa 13 mm precedentemente segnalata dalla tc con mezzo di contrasto effettuata nel mese di Gennaio 2013 di circa 8mm.Sono molto preoccupato anche se il radiologo mi ha ribadito che si tratta di una semplice cisti.Potrebbe trattarsi di una nuova recidiva? visto che in 7 mesi si è ingrandita di circa 5 mm?eventualmente può essere aspirata? La ringrazio anticipatamente per un suo illustre parere.

Guglielmo ha detto...

Egregio dottore, vorrei un suo parere sull'intervento di OPERCOLARIZZAZIONE LAPAROSCOPICA. Soffro di rene policistico sinistro e vorrei sapere se è più consigliabile la tecnica di aspirazione ola opercolarizzazione. La ringrazio per la Sua cortese disponibilità. Guglielmo 73.

prokofiev ha detto...

Per il signor Pasquale. Assolutamente no,la crescita delle cisti non è legata a stress emotivi

prokofiev ha detto...

Per il signore con la Alport. Le cisti semplici hanno caratteristiche assolutamente evidenziabili all'ecografia. Non vanno aspirato se piccole ( meno di 8 cm ) e se asintomatiche

prokofiev ha detto...

Per il sig, Guglielmo. Per il rene policistico non si ricorre piu' all'aspirazione delle cisti come in passato, e non ho esperienza sull'altra metodica, ma viene usata per le cisti semplici difficilmente aggredibili con l'aspirazione.

puck ha detto...

Donna 55 anni. In ecografia addominale si riscontra al polo inferiore rene dx una formazione isoecogena a contorni irregolari con ecostruttura disomogenea. Presenza di lacune transoniche interne (fluide) e rari spot vascolari. Dimensioni mm 110x102x100.
Può trattarsi di neoplasia maligna? E come si interviene?
Grazie molto e cordiali saluti

prokofiev ha detto...

Puo' trattarsi anche di cisti complicata. E' necessario in tali casi eseguire una TAC con mdm o una RMN con mdc

puck ha detto...

grazie per la pronta risposta. La tac con mcm è programmata a breve. In caso di cisti complicata, la grandezza della cisti (e la sua ipotizzabile "anzianità" di formazione) accrescono l'ipotesi di formazione di neoplastica? E'comunque ipotizzabile l'intervento di aspirazione e alcolizzazione o è necessario l'intervento chirurgico?
Grazie ancora della gentilezza.
Con stima

Anonimo ha detto...

gentile dottore mi hanno diagnosticato mediante ecografia questa diagnosi...vorrei capirci di piu:Alterazione disomogenea policistica mista ipo-iperecogena vascolarizzata di circa 2 cm che determina bozzatura del profilo del rene.
Milena da monza

Anonimo ha detto...

gentile dottore mi hanno diagnosticato mediante ecografia questa diagnosi...vorrei capirci di piu:Alterazione disomogenea policistica mista ipo-iperecogena vascolarizzata di circa 2 cm che determina bozzatura del profilo del rene.
Milena da monza

prokofiev ha detto...

Per la signora Milena. Le formazioni disomogenee e vascolarizzate sono poco valutabili ecograficamente, e richiedono approfondimento con una angio-TC. Purtroppo non posso dirle di piu' con quel dato

Anonimo ha detto...

salve, mio marito ha delle cisti corticali ai reni, la più grossa è mm49, al rene dx, ed ha la creatinina alta a 3,68, dovrebbe fare un'angioplastica alla gamba sx, ma c'è il pericolo che con il metodo di contrasto si alzi la creatinina e finisca in dialisi, per ora puo' andare avanti cosi' tenenendosi sotto controllo, ma dovebbe abbassare la creatinina e il nefrologo gli ha detto che deve bere tanto, vorrei sapere se c'è qualcosa che lo può aiutare a parte l'acqua, grazie

prokofiev ha detto...

Con quei valori di creatinina il mezzo di contrasto è ovviamente pericoloso, salvo farlo per casi necessari ed eseguire una dialisi subito dopo. L'acqua è sicuramente importante, così come l'assunzione di bicarbonato almeno tre volte alla settimana e la dieta ipoproteica, ovviamente prescritta dal nefrologo

Anonimo ha detto...

ringrazio il Dottore per la risposta, premetto che mio marito assume già il bicarbonato tutti i giorni, due volte al giorno, prescrittogli dal nefrologo, ma la dieta ipoproteica no , poichè ha un po' d'anemia ed ha sempre le piastrine basse, in più ultimamente ha fatto per più di un mese delle iniezioni di clexane da 4000 per la circolazione, visto che si stanno formando delle stenosi, sia alle carotidi che alla femorali ed alll'illiaca, in più prende il cardirene da 100 più le altre pastiglie per la pressione, cioè non mangia tanta carne, però secondo il nefrologo dovrebbe mangiarla tutti i giorni, o altre proteine tipo uovo o il pesce, ma io non so più cosa fargli , perchè mi sembra sempre di sbagliare, mio marito ora ha 70 anni. grazie per i consigli che può darmi,




Anonimo ha detto...

Salve Dottore e saluti a tutti....io 20 giorni ho eseguito l'eco di controllo dopo che 2 anni fa avevo questa ciste acquosa di cm 4.7....ora mi è arrivata a cm 7.2..il mio medico mi ha detto di rifare l'eco tra 6 mesi e se dovesse crescere di nuovo allora di intervenire......posso fidarmi di questa prognosi?
ringrazio anticipatamente

prokofiev ha detto...

Generalmente la crescita è piu' lenta, ma puo' succedere. L'ecografia è altamente affidabile nel valutale la crescita delle cristi semplici. Generalmente si aspirano e si alcolizzano quando raggiungono dimensioni voluminose ( intorno ai 9-10 cm) o quando danno sintomi

Anonimo ha detto...

salve dottore, a mia madre sono stati diagnosticati dei calcoli renali, in più la tac identifica una massa non identificabile da trattare con biopsia (da premettere che una tac dell'anno scorso presentava la stessa massa, che però ad oggi risulta delle stesse dimensioni). prima di pensare ad un tumore voglio pensare si tratti di una cisti, pero allo stesso tempo mi chiedo, se fosse stata una semplice cisti non l'avrebbero riconosciuta subito? grazie dottore in anticipo per la risposta

Anonimo ha detto...

mi è stata diagnosticata...cisti corticali renali multiple bilateralmente la più voluminosa al III superiore sn. di cm. 9 circa.Modesta dilazione calicopielica a sn. dove appare regolare la fase nefrografica mentre non si apprezza quella calicopielografica...provo un senso di pesantazza e fastidio sul rene sinistro e ho difficoltà la notte a trovare la posizione giusta per dormire..cosa debbo fare? a chi rivolgermi per eventuale intervento? è raccomandato?
grazie

prokofiev ha detto...

A sinistra evidentemente c'è una lieve compressione sulle vie escretrici, vista la presenza di una modica dilatazione. In questo caso meglio sentire un urologo

Anonimo ha detto...

Nel fare una ecografia all'apparato urinario per siospetti problemi alla prostata (risultata sana) casualmente nel rene sx, in sede equatoriale mi è stata riscontrata una immagine pseudonodulare, debolmente ipocoica, del diametro di 21 mm circa. Di che si tratta e cosa significa? Quali problemi mi può causare. Devo preoccuparmi? nel rene dx è stata riscontrata una cisti semplice.
grazie

prokofiev ha detto...

Preoccuparsi no, ma le immagini non ben definibili con l'ecografia meritano sempre approfondimento con una ecografia con constrasto, o una TAC con mezzo di contraasto, per essere maggiormente scrupolosi

antonio primo ha detto...

Buon giorno, ho 67 anni da circa un mese, ho minzioni frequenti da (6-8) al giorno (no di notte e no dolori nelle minzioni). ho eseguito esami:(ECOGRAFIA VESCICO-PROSTATICA con esito: "vescica con pareti regolari, indenne da lesioni endoluminali. Volume prostatico di circa 29 cc. Residuo post-minzoniale di circa 10 ml (riempimento pre-minzoniale di circa 250 ml.).
Ho eseguito anche una ECOGRAFIA RENALE con esito: (i reni sono in sede regolari per dimemsioni e morfologia. e contengono pochi e millimetriche cisti semplici parenchimali, la maggiore di 8mm nel polo inferiore del rene destro. Non dilatazione delle cavità calico-pieliche ). sulla base degli esiti citati, c'è relazione con la minzione? o devo preoccuparmi per qualcosa più sospetta?. quale altro esame potete consigliarmi per avere un quadro clinico più ampio?. Nell'attesa di un vostro parere ringrazio per l'attenzione prestata. antonio

Anonimo ha detto...

Buon giorno, ho 67 anni da circa un mese, ho minzioni frequenti da (6-8) al giorno (no di notte e no dolori nelle minzioni). ho eseguito esami:(ECOGRAFIA VESCICO-PROSTATICA con esito: "vescica con pareti regolari, indenne da lesioni endoluminali. Volume prostatico di circa 29 cc. Residuo post-minzoniale di circa 10 ml (riempimento pre-minzoniale di circa 250 ml.).
Ho eseguito anche una ECOGRAFIA RENALE con esito: (i reni sono in sede regolari per dimemsioni e morfologia. e contengono pochi e millimetriche cisti semplici parenchimali, la maggiore di 8mm nel polo inferiore del rene destro. Non dilatazione delle cavità calico-pieliche ). sulla base degli esiti citati, c'è relazione con la minzione? o devo preoccuparmi per qualcosa più sospetta?. quale altro esame potete consigliarmi per avere un quadro clinico più ampio?. Nell'attesa di un vostro parere ringrazio per l'attenzione prestata. antonio

22 dicembre 2013 12:51

prokofiev ha detto...

Per il signor Antonio. L'aspetto ecografico è nella norma, e non ha attinenza con la frequenza minzionale. Questa puo' dipendere anche da altri fattori ( problemi del colon, uso di diuretici , stress ed ansia, dieta iposodica le piu' comuni)

Anonimo ha detto...

Buongiorno,in seguito ad un ecografia addominale mi hanno diagnosticato una ciste emorraggica di un cm circa. Devo preoccuparmi?? leggo solo cisti semplici

Anonimo ha detto...

Salve, sono una ragazza di 22 anni, dopo continue infezioni alle vie urinarie e forti fitte al fianco, ho fatto un ecografia che ha riportato la presenza di multeplici cisti al rene sinistro. Il medico al quale mi sono rivolta vuole che continui la ricerca, ad esempio con una scintigrafia. Lei cosa ne pensa? Credo che sia inutile sottopormi ad un esame così invasivo...

prokofiev ha detto...

Le cisti emorragiche rientrano tra le cisti "Complicate", e sono generalmente ben inquadrabili con l'ecografia. A volte la cisti puo' rompersi per un microtrauma o spontaneamente , senza dare problemi. Sarà utile un controllo ecografico a 6 mesi, per il momento

prokofiev ha detto...

per la signora di 22 anni. Puo' trattarsi di un rene multicistico, patologia differende dal rene policistico ( malattia bilaterale ed ereditaria). La scintigrafia puo' essere utile per quantificare la funzione del rene

Anonimo ha detto...

Buonasera sono un ragazzo di 33 anni facendo un eco al addome mi hanno trovato un "espanso anacogeno di aspetto cistico di 38 mm circa di nn univoca interpretazione (ciste renale a sviluppo esofitico ? Espanso surrenalico )"questo diceva il referto..cosa vuol dire ?? Cisa devo fare ??? La ringrazio

Anonimo ha detto...

Salve sono una donna di 54 anni, in seguito ad ecografia prima e poi confermata con rm con mdc mi è stata diagnosticata una lesione nodulare solida localizzata in corrispondenza del terzo medio del rene di sx di circa 4x4,5 cm. Mi hanno detto che è necessario l'intervento chirurgico con probabile nefrectomia. Vorrei sapere il suo parere. Abito a Roma e non so a quale centro affidarmi. Grazie per i consigli che mi può dare.

Frank Zappa

Loading...